Salta al contenuto, Salta alla navigazione, Salta al programma del giorno, Salta al calendario

Vicenza Jazz

direttore artistico Riccardo Brazzale

Sponsor: Comune di Vicenza, Teatro Comunale, AIM Energy, Trivellato Mercedes-Benz, Bar Borsa

Follow us on Facebook Twitter Pinterest YouTube
XXII Edizione 12 • 21 Maggio 2017
TO BE OR NOT TO PLAY
  • Vent'anni di jazz
  • Edizione passate
  • Quaderni del jazz

Navigazione.

Calendario.

Contenuto.

Riccardo Brazzale

Direttore artistico di
New Conversations Vicenza Jazz

foto di Pino Ninfa 2009

foto di Filippo Parisi aka Lupo 2009

foto di Cesare Galla 2009


 

 

 

 

Dopo gli studi classici e jazz (Vicenza, Parma, Milano) e la laurea a Bologna (con una tesi su Lennie Tristano), dall' 86 inizia a collaborare professionalmente con Claudio Fasoli e tre anni dopo, fonda la Lydian Sound Orchestra.

Svolge l'attività di direttore e musicista con la Lydian Sound Orchestra ma collabora anche con altre orchestre (per esempio è da anni direttore ospite della Civica Big Band di Milano).

Con la Lydian Sound Orchestra si è esibito in Italia e in Europa, non solo nei jazz festival e nei jazzclub ma anche in stagioni di musica accademica, rassegne teatrali e di balletto, meeting letterari e incontri culturali; l'orchestra è stata registrata più volte da Radio Rai (l’ultima volta dalla Cappella Palatina dei Quirinale) e trasmessa da varie radio europee.

Sempre con la Lydian ha inciso molti cd, ottenendo sempre ampi consensi di critica, sia italiana che internazionale; fra questi si segnalano almeno: "Melodious Thunk” dell’esordio, l’inedita rilettura della suite di Ellington, "Timon of Athens Suite", quindi "Bukowski Blues” con organici ridotti, il fortunato "Monk at Town Hall & More", "Azurka” (tutto su musiche dell'amico Claudio Fasoli), infine le produzioni di AlmaR: "Back to Da Capo", "Live in Appleby", "The Lydian Trip" , "Ruby, Nellie & Nica”, "Reflections” (in allegato a "Musica Jazz”) e il recente “Music for Lonely Souls (Beloved by nature)”. E’ in preparazione “We Resist!” per Parco della Musica di Roma.

Nei diversi contesti, ma soprattutto con la Lydian, ha collaborato con i più importanti jazzmen italiani (Rava, Fresu, D’Andrea, Fasoli, Trovesi, Tonolo, Intra e vari altri), oltre che con molti ospiti internazionali: Palle Danielsson, Manfred Schoof, Kenny Wheeler, Ralph Towner, Paul Motian, Terrell Stafford, Charles McPherson, Don Moye, Dave Liebman, David Murray, oltre che la Mingus Dynasty.

Per il Top Jazz della rivista "Musica Jazz" di Milano, nel 2008 è stato compositore-arrangiatore italiano dell'anno; per lo stesso referendum la Lydian Sound Orchestra è stata di recente votata come formazione jazz dell’anno per il 2016.

Oltre che musicista, Brazzale è autore di numerosi saggi su periodici di settore e cronache musicali su quotidiani. Ha curato le edizioni italiane del volume di racconti "Natura morta con custodia di sax. Storie di jazz" di Geoff Dyer e di "Jazz" di John Fordham. Con Franco Fayenz ha firmato un volume su Lennie Tristano, per la collana New Jazz People edita da Nuovi Equilibri di Roma. È inoltre autore di un autobiografico diario americano dal titolo anglo-veneto "Xè pi isy draivare'l caro" ("E' più facile andare in macchina", Ed. Agorà).

È direttore dell'Istituto Musicale Veneto "Città di Thiene", dove insegna armonia e cultura musicale generale, ed è titolare dei corsi di Storia del Jazz ai conservatori di musica di Vicenza e di Castelfranco Veneto.

Al Comune di Vicenza è responsabile delle attività musicali ed editoriali, oltre che, in generale, dei progetti per il Teatro Olimpico.

È fondatore e direttore artistico del festival "New Conversations-Vicenza Jazz”. È tra i fondatori dell’associazione I-Jazz di Firenze.

www.lydiansoundorchestra.com